Cerca nel blog

Buon Capodanno a tutti e felice 2016

Cari Amici, 
Ci siamo, anche questo 2015 è agli sgoccioli e quindi è arrivato il momento di farvi gli auguri di un buon Capodanno e soprattutto di un felice, e perché no, migliore anno nuovo. Che questo 2016 porti davvero ciò che tutti vogliamo sia nel privato che nel pubblico (vedi legge sulle unioni civili).
Prima di salutarvi vorrei ringraziare tutti voi che avete scelto di leggere Il mio mondo espanso per tutti questi 365 giorni, perdendo due minuti di tempo anche per commentare le notizie e dando il supporto che chi fa questo 'mestiere' ha di bisogno.
Voglio ringraziare anche tutti gli attivisti, i personaggi e gli scrittori che hanno scelto i blog per far conoscere i propri progetti e i propri lavori, ma anche tutti coloro che hanno accettato il mio invito e parlare degli episodi di cronaca che li hanno visti coinvolti. 
Grazie a tutti gli amici de Il mio mondo espanso che ogni volta accettano più che volentieri di esprimere il proprio pareri nelle mie riflessioni.
Infine ringrazio Giovanni e Lilia per il loro importante contributo che permettere a questa piattaforma, che prevede anche Il mondo espanso dei romanzi gay e Il mondo espanso del cinema gay, di essere on line tutti i giorni (salvo imprevisti di salute eheheh).
Grazie a tutti!!!
Bene, non resta nient'altro da aggiungere se non rinnovare ancora i miei auguri a tutti voi e darvi appuntamento al 2 gennaio 2016 per un nuovo anno assieme.
Auguri
Francesco Sansone


Read More

Ragazzo gay preso a sassate denuncia l'episodio e invita tutte le vittime a fare lo stesso

A cura di Francesco Sansone
"Voglio raccontarvi la triste realtà che ormai si è impadronita della stazione di Castelfiorentino." Inizia così lo sfogo lasciato sul proprio diario Facebook di Christian Ciciliano, un ragazzo di 28 anni toscano, che è stato aggredito da 6 ragazzini per la sola colpa di essere omosessuale. "Alle ore 20:30 circa, come tutte le sere, arrivo con il treno proveniente da Siena sul binario 2. Come tutte le sere scendo dal treno e prendo il passaggio che affianca i binari per tornare a casa. Stasera, però, non è stata come tutte le altre sere. Sceso dal treno c'erano 6 ragazzetti spavaldi che hanno iniziato subito a sghignazzare."
  Continua sotto...
Lo trovi qui  
"Non bado ai loro commenti, perché ero preso da una conversione al telefono. 
Mentre mi camminavo e mi allontanavo, ho visto con la coda dell'occhio uno di questi che stava andando verso i binari. Mi volto e mi soffermo a vedere che cazzo volesse. Le loro risate erano belle forti, erano belli gasati. A un certo punto il mio sospetto è diventato certezza. Il 'cervelloammerda' è sceso sui binari per prendere delle pietre. 
Beh, quelle pietre a un certo punto sono volate verso me. Ovviamente, appena mi sono reso conto che cazzo volesse fare quel 'cervelloammerda', ero distante. 
L'accaduto mi ha scosso. Molto.
Chiaramente non appena al sicuro ho avvertito i carabinieri di Castelfiorentino, che francamente voglia di lavorare scopami e ingravidami proprio. Vabbé!
Purtroppo ho un senso civico troppo elevato per farmi scivolare addosso questi fatti violenti. 
Mi posso far scivolare addosso un 'FROCIO' sbraitato per strada, a volte ci rido anche su, ma questi atti offensivi con tanto di violenza.. No! Tolleranza zero."

  Continua sotto...
http://www.ibs.it/code/9788897309215/sansone-francesco/oltre-evidenza-racconti.html
Adesso anche in ebook qui 
Dopo aver raccontato i fatti, Christian ha continuato il suo sfogo soffermandosi su come l'amministrazione comunale non abbia agito in modo da garantire un'adeguata sicurezza nei locali della stazione:

"Tolleranza zero anche nei confronti dell'amministrazione comunale che ancora oggi, dopo svariate e svariate segnalazioni fatte anche dal sottoscritto, non ha risolto la questione sicurezza alla stazione. Vorrei sapere, cosa aspettate! ? Che qualcuno si faccia male!? Sperate che il buon senso mi accompagni sempre e che nessuno armi mai la mia mano di una pietra. Perché, a volte, ho proprio voglia di ficcarvela in culo."

Infine, Christian invita tutti coloro che hanno subito del bullismo fisico o verbale a denunciare, a non farsi bloccare dalla paura, dalla vergogna. Invito che gira anche Il mio mondo espanso aggiungendo che gli unici a doversi vergognare non sono mai le vittime, ma chi commette certi deplorevoli atti. 


Read More

Arbitro licenziato per la sua omosessualità vince causa contro la Federazione Calcio

A cura di Francesco Sansone
Grafica di Giovanni Trapani
Ancora una volta arriva dal mondo dello sport una notizia che ha dell'assurdo, ma che per fortuna è si è risolta con una lezione che, sicuramente, farà storia e segnerà un tassello importante nella lotta all'omofobia nel calcio.
Siamo in Turchia e l'arbitro Halil Ibrahim Dincdag si è visto esonerato dal suo lavoro per via della sua omosessualità. Era il 2009 quando la Federazione calcio turca ha detto all'uomo "sei omosessuale? Allora non puoi arbitrare", ritirandogli il tesserino. 
  Continua sotto...
Lo trovi qui  
Dincdag aveva confessato pubblicamente il suo orientamento sessuale mentre era ospite in un programma televisivo, e questo non era piaciuto ai vertici dell'associazione che decisero di prendere quel provvedimento. Ora, però, la Federazione è stata condannata per quella decisione e dovrà pagare un risarcimento paria a 7 mila euro all'ex arbitro.
"Una vittoria per il movimento LGBT in Turchia e per la lotta contro l'omofobia nel carcio", ha commentato Halil Ibrahim Dincdag che, però, ha deciso di ricorrere in appello per ottenere la cifra di 34 mila euro che aveva chiesto all'inizio del processo.
  Continua sotto...
http://www.ibs.it/code/9788897309215/sansone-francesco/oltre-evidenza-racconti.html
Adesso anche in ebook qui 
Intanto la Federazione calcio si è giustificata affermando che la scelta di espellere l'uomo dall'ordine degli arbitri è stata presa perché Dincdag, esentato dal servizio militare, non poteva essere considerato idoneo per il lavoro.
Fonte: gazzetta.it
Read More

La comunità LGBT ha davvero bisogno delle icone gay? I commenti dei blogger italiani

A cura di Francesco Sansone
Grafica di Giovanni Trapani









Mina, Raffaella Carrà, Patty Pravo, Lorella Cuccarini, Ambra Angiolini, Sabrina Ferilli, Barbara D'Urso, Maria De Filippi, Marcella Bella, Orietta Berti, Laura Pausini e molte altre artiste italiane hanno il pregio (o il difetto dipende dai punti di vista) di essere considerate delle vere e proprie icone gay, ma fra quelle nominate, tutte meritano realmente tale titolo?
Cosa significa essere un'icona gay?
Che cosa fa sì che un personaggio diventi tale e soprattutto cosa deve fare un'icona gay per dimostrare che crede davvero alla causa LGBT?

Dopo le nuove polemiche nate sulle dichiarazioni di Lorella Cuccarini, non posso non chiedermi: se lei è un'icona, chi è una dettatrice?
Basta davvero dire frasi come "ho tanti amici gay; li adoro  perché hanno una marcia in più; sono sensibilissimi", per diventare un'icona?

Come sa chi legge Il mio mondo espanso, quando c'è un tema che merita di essere commentato da più punti di vista, chiedo ad alcuni amici un parare per sapere come la pensano e tirare un filo conclusivo alle mie riflessioni. Anche in questo caso, quindi, ho chiesto ad alcuni dei più noti blogger che affrontano tematiche omosessuali di darmi una loro personale opinione sul tema. 
La domanda che ho formulato a Jimi Paradise dell'omonimo blog di gossip, a Wally Rainbow del blog Wally Rainbow's world e a Mirko Criscolo di M on stage è stata: "La comunità LGBT ha davvero bisogno di icone e se sì cosa dovrebbero fare queste per sostenerla oltre a dire "li adoro, sono sensibili e hanno una marcia in più?"
  Continua sotto...
Lo trovi qui  
Il primo a rispondermi è stato il fashion blogger Mirko Criscolo:
"Le cosiddette 'icone gay', che altro non sono che dei personaggi famosi amati dal popolo omosessuale, hanno un ruolo importante per la sensibilizzazione sulle tematiche LGBT. A mio parere, ci sono quelle che hanno un ruolo più importante e quelle che ne hanno uno marginale. Infatti, molte di esse potrebbero (o dovrebbero) fare di più che usare a ogni intervista la classica frase "li adoro" che ormai sa tanto di risposta generica che si sente ovunque, tipo "non ho nulla in contrario, ho tanti amici gay", e che sostanzialmente non dice nulla di concreto lasciando il tempo che trova. Ma già il semplice fatto che un personaggio di una certa importanza mediatica dica queste due paroline aiuta molto spesso a suscitare l'interesse di chi li segue sull'argomento e magari, non avendo preso una posizione in merito, a pensarla nello stesso modo. Al contrario, invece, ci sono celebrità che fanno realmente la differenza scrivendo canzoni, creando fondazioni per i più giovani, partecipando ai pride mettendo in gioco la propria immagine o addirittura prendendo delle scelte di vita per sentirsi vicino agli omosessuali tipo il non sposarsi finchè TUTTI non abbiano il diritto di farlo nella propria nazione. Dunque mi sento di dire che, se preso sul serio e non come un modo per fare più soldi o venire venerati e invitati a qualche serata a tema, essere un'icona gay è un 'ruolo' molto importante da ricoprire ed è qualcosa di cui la comunità LGBT non può fare a meno per difendere i propri diritti."

Jimi Paradise, invece, mi ha detto:
"Non credo che la comunità LGBT abbia bisogno di icone, ma di punti di riferimento, cosa ben diversa! Noto da anni che si parla di icone dei gay, per esempio Madonna, ma spesso si fanno coincidere le nostre passioni con personaggi più o meno gay-friendly. La comunità LGBT in Italia non ha punti di riferimento veri, personaggi a cui affidare le nostre speranze di cambiamento, come spesso avviene all'estero. Molto spesso sui media e, in particolare, in TV sono ospitati quelli che io chiamo le "macchiette gay": personaggi da commedia all'italiana, colorati e coloriti nel linguaggio, più facilmente digeribili dal pubblico generalista (almeno questo è quello che pensa chi fa programmi): niente di più falso e dannoso! Invece ho pensato "finalmente!" quando ho sentito l'appello di Antonacci alla riforma delle adozioni: finalmente chi ha potere mediatico lo usa per cercare di cambiare le cose, persino su Vatican TV!"

Infine Wally Rainbow mi ha risposto:
"Allora, prima di tutto penso che sia il caso di chiarire il concetto di comunità LGBT e icona LGBT, visto che sono due concetti che non sono poi così chiari e condivisi. Prima di tutto cos'è una comunità? Un insieme di persone che ha qualcosa in comune? Che condivide gli stessi spazi nella società? O c'è dell'altro? E la comunità LGBT che cosa ha in comune? L'orientamento sessuale non eterosessuale? E allora perchè non si parla di comunità etero, ma si parla di comunità etniche e/o religiose? Il fatto è che una comunità, per essere tale, condivide soprattutto una cultura. E per cultura non intendo un'insieme di conoscenze in stile enciclopedia, ma l'insieme delle espressioni di un'identità condivisa. Per dirla in parole semplicissime: l'omosessualità è un orientamento, ma attorno a questo orientamento si è costruita anche un'identità sociale, con i suoi riferimenti artistici, linguistici, musicali, ecc. Assieme a una serie di principi, ideali, speranze, necessità e tutto il resto. 
Tecnicamente un'icona gay dovrebbe essere un personaggio pubblico che rappresenta al meglio questa "cultura LGBT", e ne diventa il simbolo. Perciò un'icona gay può essere un attore o un cantante gay dichiarato, piuttosto che un'attrice che si schiera a favore dei diritti gay o un porno attore che incarna gli ideali omoerotici della sua generazione. In tutti questi casi si tratta di icone che in qualche modo hanno fatto qualcosa per meritarsi questo titolo, ma in Italia veniamo da decenni di repressione culturale e questo tipo di icona gay è ancora una novità. Infatti, fino a poco tempo, fa l'esigenza - sacrosanta - della comunità gay italiana di avere delle icone di riferimento trovava uno sbocco dando questo titolo a persone che solo in rari casi avevano fatto qualcosa di concreto per meritarselo. Nello specifico bastava che un artista di sesso maschile si ponesse in maniera un po' "alternativa" o non smentisse certe voci sul suo conto, per essere "adottato" dai gay italiani. Con le artiste femminili, e in particolare le cantanti, la situazione è un po' più complicata. Premesso che il presupposto essenziale era che fossero già molto famose, a qual punto bastava che rispondessero ad almeno due dei seguenti requisiti: 
1) Una vita sfortunata e amori difficili, 
2) Un look trasgressivo, 
3) Canzoni con testi/videoclip interpretabili in senso "gay", 
4) La riprovazione da parte dei benpensanti, 
5) Un'amico/parente/collaboratore palesemente gay, 
6) Una presa di posizione netta a favore del mondo gay. 
Ovviamente in Italia quasi nessuna, fino a poco tempo fa, rispondeva al requisito numero 6, ma, siccome non c'era molta scelta, i gay italiani chiudevano un occhio. Adesso, però, le cose sono cambiate, anche perché la sensibilità dei gay italiani su certe questioni è aumentata. Una volta, forse, poteva bastare la classica frase "io adoro i gay e loro mi adorano", ma se adesso una frase del genere non viene seguita da una presa di posizione netta nei confronti della "causa gay" suona quasi come una presa in giro. Soprattutto se una presunta icona dice di adorare i gay, ma di essere contraria a cose come i matrimoni gay e le adozioni. E infatti in quel caso viene depennata dalla lista. 
In conclusione, per come la vedo io, le icone gay sono simboli, e i simboli servono sempre per consolidare il senso di appartenenza di una comunità. Tuttavia oggi il titolo di icona gay è qualcosa che va conquistato, e va portato avanti con coerenza e consapevolezza, anche perché gay che si lasciano raggirare sono sempre meno. Per fortuna."
  Continua sotto...
http://www.ibs.it/code/9788897309215/sansone-francesco/oltre-evidenza-racconti.html
Adesso anche in ebook qui 
Dopo aver sentito i loro pareri, dei nomi elencati sopra, le uniche tre artiste che meritano il titolo di icona sono Ambra Angiolini, Laura Pausini e Mina.

Ambra Angiolini perché ci ha messo davvero la faccia per la lotta lgbt partecipando, fra l'altro, alle iniziative del circolo Mario Mieli e facendo da madrina al gay pride del 2000.
Laura Pausini perché non solo ogni volta che può sostiene la comunità LGBT facendo da madrina all'amore gay in tv e nei suoi concerti, ma anche perché ha dichiarato che non sposerà il suo compagno fino a quando anche le coppie omosessuali non potranno fare altrettanto.
Mina perché non solo ha preso posizione a favore della comunità LGBT, ma si è schierata con essa durante il caso Barilla e ha più volte parlato di omosessualità, difendendola fortemente, nella sua rubrica su Vanity Fair.

E tutte le altre?
So che fa chic - citando la Bella - dire di avere tanti amici gay, ma credo anche che una persona vorrebbe che chi si reputa tale capisca come ci si sente in uno Stato in cui non solo non ci vengono concetti diritti, ma dove il primo venuto si permette di offenderti se dici che da gay vuoi farti una famiglia, vuoi avere dei figli, o, semplicemente, perché non la pensi come un Maurizio Gasparri qualunque.
Se un mio amico vive un disagio cerco di fare il possibile per aiutarlo, di certo non gli vado a dire "sei sempre il mio best friend, ma quello che vuoi è contro natura e quindi lo aborro." L'amico non è un parente che ti capita per motivi di sangue e non è nemmeno un politico che risiede al parlamento senza essere stato scelto dal popolo. E' una persona che scegli perché ti assomiglia, perché c'è sintonia, c'è empatia, c'è feeling. Se uno di questi aspetti manca, non si può parlare di amicizia, ma di conoscenti da frequentare quando non abbiamo nessun altro con cui uscire.
E il discorso delle icone è lo stesso. Un gay sceglie la propria icona per ciò che dice e che fa e se questa si dice fiera, orgogliosa, onorata di esserlo non si può limitare a frasi fatte, ma deve dimostrare che capisce quel fan e vuole lottare dalla sua parte. 
Non si può stare con due piedi in una scarpa per interessi personali perché non è corretto, non è giusto, non è morale.
Quindi, concludendo, le persone lgbt hanno sì bisogno di icone, ma meritano artisti che le capiscano seriamente e mettano la loro voce per aiutarli a ottenere quei diritti che ancora non hanno. 
La stima non si compra. Punto.
Read More

Una vita - Nella soap opera di Canale 5 un personaggio storico “uscirà dall’armadio” e amerà un uomo. (Spoiler e Video)

A cura di Francesco Sansone
Grafica di Giovanni Trapani
Attenzione spoiler
Ogni giorno su Canale 5 viene trasmessa ‘Una vita’, in originale ‘Acacias 38’, soap opera incentrata su un gruppo di persone risedenti tuttienello stesso quartiere.
Creata da Aurora Guerra, la stessa autrice de ‘Il segreto’, altra soap di succedo dell’ammiraglia Mediaset, ‘Una vita’ è pronta a stupire il suo pubblico con una storia a tematica omosessuale e il protagonista di questo nuovo intreccio sarà Claudio (Jaime Olías), il marito di Leonor (Alba Bruney).
Chi segue la soap sa che fra i due giovani non c’è amore.  Il matrimonio, infatti, è stato contratto solo per evitare che la famiglia della ragazza diventasse povera anche se Leonor amava, ricambiata, Pablo (Carlos Serrano-Clark), fratello della protagonista Manuela (Sheyla Fariña).
    Continua sotto...
Lo trovi qui  
Nelle puntate a breve in onda su Canale 5 vedremo l’arrivo del pittore Marco (Ignacio Montes) che chiederà a Leonor di posare nuda per lui. Il giovane artista farà breccia nel cuore di Claudio che se ne innamorerà. Intanto Leonor si chiede il perché il marito non abbia la necessità di giacere con lei e consumare il loro matrimonio. Ben presto, però, ne capirà il motivo quando troverà Claudio intento a baciare il bel pittore. Sotto choc, la ragazza si rifugia fra le braccia del suo amato Pablo e gli confesserà quanto visto.
Non mancherà molto che la relazione fra Claudio e Marco venga allo scoperto e le conseguenze non saranno di poco conto: Claudio verrà diseredato e subirà minacce di morte  e verrà aggredito fisicamente. Dati i tempo, prima metà dell’800, l’omosessualità in Spagna non viene ben vista e anche gli abitanti del quartiere prenderanno le distanze dal giovane rampollo. L’unica disposto ad aiutarlo sarà proprio la moglie con l’aiuto della sua fidata cameriera Casilda. Le due donne chiederanno anche a Pablo di aiutare il ragazzo e il suo Marco a fuggire prima che la guardia civile lo arresti con l’accusa di pubblico scandalo.
Continua sotto...
http://www.ibs.it/code/9788897309215/sansone-francesco/oltre-evidenza-racconti.html
Adesso anche in ebook qui 
A interpretare Claudio è l’attore Jaime Olías, nato a Madrid nel 1989 e svolge la sua attività sia in tv che al cinema, mentre il volto di Marco è di Ignacio Montes, più noto come Nacho Montes, nato a Estepona Malaga nel 1992, lavora principalmente in tv e ha già interpretato ruoli gay.



Video

Read More

Danneggiata mostra di fotografo francese dedicata all'amore [FOTO]

A cura di Francesco Sansone
Grafica di Giovanni Trapani
Olivier Ciappa, fotografo francese, ha comunicato che la sua mostra fotografica 'Les Couples de la Rebublique', allestita in un parco di Tolosa, è stata danneggiata per ben due volte.
"La prima volta hanno voluto mostrare il loro disappunto. La seconda hanno deciso di eliminare del tutto la manifestazione in modo che nessun abitante di Tolosa potesse vederla," ha scritto Ciappa su Facebook.

    Continua sotto...
Lo trovi qui  
Nella foto Olivier Ciappa
La prima volta, infatti, alcuni scatti sono stati deturpati con la scritta 'honte', che significa vergogna. Il gesto intimidatorio, però, non ha scoraggiato l'artista che ha sviluppato nuovamente le immagini per sostituire quelle danneggiate. Un'azione che non è piaciuta a chi aveva commesso il danno e che ha quindi deciso di agire nuovamente portando via le foto.
Il motivo che si cela verso questo accanimento è da la presenza di alcuni scatti presentano in cui sono state immortalate anche coppie gay e lesbiche in atteggiamenti affettuosi. 

"È stato un gruppo composta da sei giovani fra i 18 e i 20 anni," ha detto un testimone oculare al quotidiano Le Figaro. "Hanno affermato di essere cattolici e hanno dichiarato di essere 'contro la promozione di questo modo di vivere'".

La collezione, di cui potete vedere alcuni scatti di seguito, presenta anche genitori singoli e genitori disabili con i propri figli e una foto di Eva Longoria e Melanie Laurent in posa come una coppia dello stesso stesso.
Continua sotto...
http://www.ibs.it/code/9788897309215/sansone-francesco/oltre-evidenza-racconti.html
Adesso anche in ebook qui 
'Le Couples de la Repubique'













Foto di Olivier Ciappa 
Read More
Powered by Blogger.

Etichette/Tag

© Copyright Il mio mondo espanso